Il BONUS RISTRUTTURAZIONI permette una detrazione IRPEF del 50% su una spesa massima di 96.000 Euro per unità immobiliare, ripartita in 10 quote annuali di pari importo a partire dalla prima dichiarazione dei redditi.

CHI PUO’ USUFRUIRNE

Il bonus è fruibile non solo dal proprietario dell’immobile ma anche da altri soggetti quali l’inquilino; chi è titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto); il comodatario; i soci di cooperative divise e indivise o società semplici; imprenditori individuali (Solo per immobili che non rientrano nella categoria strumentali o merce). Inoltre possono usufruire della detrazione purché sostengano le spese e siano intestatari di fatture e relativi bonifici: il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto di intervento (coniuge, parenti entro il terzo grado); il componente dell’unione civile; coniuge separato assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge.

– PER CHI ACQUISTA UN IMMOBILE SUL QUALE SONO STATI EFFETTUATI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, la norma prevede, salvo diverso accordo tra le parti, che le eventuali quote residue del bonus vengano trasferite automaticamente al nuovo proprietario.

COME SI OTTIENE

Per ottenere la detrazione è necessario pagare le spese con bonifico bancario o postale avendo cura di indicare nella causale il codice fiscale del soggetto che beneficia della detrazione e il codice fiscale (o partita IVA) di chi riceve il pagamento. Nella Dichiarazione dei Redditi è importante inserire i dati catastali relativi all’immobile oggetto dell’intervento e gli estremi dell’atto di proprietà. Inoltre è bene tenere da parte tutti i documenti prodotti in quanto potrebbero essere richiesti per eventuali controlli, e anche le fatture, ricevute fiscali, bonifici, autorizzazioni, documenti di SCIA, ricevute di pagamento IMU.

INTERVENTI SOGGETTI A BONUS

Interventi di Manutenzione Straordinaria

  • installazione di ascensori e scale di sicurezza
  • realizzazione e miglioramento dei servizi igienici
  • sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia di infisso
  • rifacimento di scale e rampe
  • interventi finalizzati al risparmio energetico
  • recinzione dell’area privata
  • costruzione di scale interne

Interventi di Restauro e Risanamento Conservativo

  • interventi mirati all’eliminazione e alla prevenzione di situazioni di degrado
  • adeguamento delle altezze dei solai nel rispetto delle volumetrie esistenti
  • apertura di finestre per esigenze di aerazione dei locali

 Ristrutturazione Edilizia

  • demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria dell’immobile preesistente
  • modifica della facciata
  • realizzazione di una mansarda o di un balcone
  • trasformazione della soffitta in mansarda o del balcone in veranda
  • apertura di nuove porte e finestre
  • costruzione dei servizi igienici in ampliamento delle superfici e dei volumi esistenti

 

Ricostruzione ripristino di immobile danneggiato a seguito di evento calamitoso

Realizzazione autorimessa o posto auto di pertinenza

Eliminazione barriere architettoniche con ascensori e montacarichi

Realizzazione di strutture che favoriscono la mobilità interna ed esterna per persona con ridotta capacità motoria

Bonifica amianto

Installazione sistemi antifurto

Sistemi di cablatura

 

SONO SOGGETTE AL BONUS ANCHE LE SPESE CORRELATE AGLI INTERVENTI

  • le spese per la progettazione e le altre prestazioni professionali connesse
  • le spese per prestazioni professionali comunque richieste dal tipo di intervento
  • le spese per la messa in regola degli edifici ai sensi del Dm 37/2008 – ex legge 46/90 (impianti elettrici) e delle norme Unicig per gli impianti a metano (legge 1083/71)
  • le spese per l’acquisto dei materiali
  • il compenso corrisposto per la relazione di conformità dei lavori alle leggi vigenti
  • le spese per l’effettuazione di perizie e sopralluoghi
  • l’imposta sul valore aggiunto, l’imposta di bollo e i diritti pagati per le concessioni, le autorizzazioni e le comunicazioni di inizio lavori
  • gli oneri di urbanizzazione
  • gli altri eventuali costi strettamente collegati alla realizzazione dei lavori e agli adempimenti stabiliti dal regolamento di attuazione degli interventi agevolati (decreto n. 41 del 18 febbraio 1998).

 NON SI POSSONO DETRARRE

Le spese di trasloco e di custodia dei mobili per il periodo necessario all’effettuazione degli interventi di recupero edilizio.

 

Tutte le specifiche e i dettagli sul sito agenziaentrate.gov.it

Devi comprare casa?

Sarpi oltre a proporti le migliori soluzioni per le tue esigenze ti offre il servizio di Progettazione per personalizzare la tua nuova casa. Chiamaci 02 76000069